La persecuzione del terrorismo in Italia – La grande bufala

terrorismoNegli ultimi anni si parla molto di terrorismo in Italia, di quanto questo stia crescendo e sviluppandosi. Visto che la cosa mi è parsa interessante ho voluto documentarmi un po’. Il risultato di queste ricerche l’ho sinteticamente raccolto in questo post.

Le fonti di dati che ho utilizzato sono:

Processi e denunce

TerrorismoDatiDenunceNel corso del periodo 2007-2013 si può vedere che c’è stata una progressiva diminuzione delle denunce per reati connessi al terrorismo ad eccezione degli anni 2010 e 2011. In questi due anni c’è stata un’impennata (le denunce sono raddoppiate) per poi calare e riprendere il trend di riduzione generale.

 

 

 

TerrorismoGrafDenunce

Anche i processi hanno subito un andamento analogo seppur con un ritardo di circa due anni, ovviamente legato alla durata dei processi o dell’istruzione degli stessi.

 

 

 

 

 

Esito dei processi

TerrorismoDatiEsitiIl numero di denunce da solo non riesce a fornire l’idea dell’efficacia degli interventi di denuncia, così vale la pena andare a verificare l’esito che le denunce hanno poi avuto nei processi.

 

 

 

 

TerrorismoGrafEsitiQuello che emerge dall’osservazione dei dati, è piuttosto sconfortante: soltanto una minima parte delle denunce si trasformano in condanne e il rapporto condanne/denunce rimane costante nel tempo, segno che non c’è stato alcun miglioramento nell’attività investigativa.

 

 

 

 

 

 

Un rapporto così basso tra denunce e condanne (solo il 10% delle denunce arriva ad una condanna) può portare ad una serie di conclusioni, tutte facilmente riscontrabili nella realtà.

1. Le indagini e le denunce conseguenti che poi hanno esito non di condanna nei processi fanno intuire quanto infondate siano normalmente le accuse di terrorismo. Soprattutto in considerazione del fatto che l’80% si conclude con un archiviazione!

2. In considerazione del fatto che le leggi in Italia prevedono la carcerazione preventiva (o altre misure cautelari) fino al processo, per la maggior parte di queste si tratta di vero abuso, insomma di un forma di repressione preventiva inconcepibile per qualunque diritto.

TerrorismoGrafEsitiTotale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ERROR: si-captcha.php plugin: GD image support not detected in PHP!

Contact your web host and ask them to enable GD image support for PHP.

ERROR: si-captcha.php plugin: imagepng function not detected in PHP!

Contact your web host and ask them to enable imagepng for PHP.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.